Max Klinger e Fantasia su Brahms

Opus XII Fantasia su Brahms, Lipsia 1894
In mostra a Palazzo Fava fino al 11 gennaio 2015 all’interno della mostra Max Klinger. L’inconscio della realtà.

Fantasia su Brahms

Fantasia su Brahms – OPUS XII

Complesso e molto articolato, il ciclo della Fantasia su Brahms, si sviluppa attraverso 37 fogli con 41 incisioni. Le composizioni visive sono strettamente collegate a varie composizioni musicali del maestro, sulla stessa pagina insieme agli spartiti, o in immagini a piena pagina.
L’idea di Klinger è quella di proporre una antologia personale dei pezzi musicali preferiti.
Quest’opera comprende alcune fra le più belle incisioni di Klinger come per esempio Accordo e Il rapimento di Prometeo, commentate mirabilmente da de Chirico, Evocazione, e Prometeo liberato.

Venuto a conoscenza del progetto di illustrare i suoi pezzi musicali, Brahms all’inizio ha dei dubbi, ma quando vede l’Opus finito dà un giudizio altamente positivo. Vale la pena riportare quello che scrive a Klinger: “Vedo la musica, le belle parole che l’accompagnano – e ora a mia insaputa, i vostri disegni mi coinvolgono; contemplandoli mi sembra che la musica continui a risuonare nell’infinito e esprima così tutto ciò che avrei voluto dire, più chiaramente di quello che avrebbe potuto la musica e allo stesso tempo con altrettanto senso di mistero e di anticipazione. Qualche volta vi invidio per come siete chiaro con la vostra matita. Qualche volta mi rallegro di non doverlo essere. Ma alla fine devo pensare che ogni arte è la stessa cosa e si esprime con lo stesso linguaggio”¹.
Per un artista come Klinger, appassionato di musica e lui stesso ottimo musicista dilettante, non poteva esserci elogio più grande.
Di quest’Opus sono presenti qui solo alcuni fogli (13, 14, 25, 31, 32, 37, 38).

¹ Lettera di Brahms a Klinger cit. in M.-J. Geyer e T. Laps (a cura di), Max Klinger. Le théâtre de l’etrange, cit., p. 178.

Dal catalogo della mostra Max Klinger e l’inconscio della realtà, a cura di paola Giovanardi Rossi e Francesco Poli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.