21 APRILE 1945: LA LIBERAZIONE DI BOLOGNA

Bologna Liberata

Nella notte tra il 20 e il 21 aprile 1945 il cannone aveva tuonato a lungo: la completa ritirata delle truppe naziste era solo questione di ore…
Le prime truppe alleate giunsero a Bologna alle 6,30 circa del 21 aprile: i Polacchi dell’VIII Armata entrarono per primi. Dopo cinque anni di guerra la città apparve relativamente tranquilla. Fortunatamente gli occupanti se ne erano andati senza più opporre resistenza e non si era reso necessario il già previsto, ultimo bombardamento degli Anglo-americani. Tante altre vite umane erano così state risparmiate.
Negli ultimi venti mesi la popolazione civile aveva sofferto oltre l’inimmaginabile. La mancanza di cibo e di acqua, il terrore dei bombardamenti, la paura per i propri cari che fossero al fronte o che stessero combattendo per opposte fazioni aveva ormai fiaccato lo spirito di sopportazione. Bologna era stata teatro di feroci incursioni aeree che avevano distrutto vite, persone, architetture civili e religiose: un’intera città avrebbe dovuto risorgere. Le macerie ingombravano le strade, non c’era energia elettrica, i trasporti erano inesistenti, i medicinali scarseggiavano e l’attività economica era ormai ridotta al minimo.
Ma quel giorno un lungo serpentone di uomini e mezzi invadeva Piazza Maggiore e le strade principali: la gente festeggiava la fine di un incubo. Una folla immensa applaudiva e cresceva l’entusiasmo. Dopo le truppe alleate arrivarono finalmente i soldati italiani che imbracciavano la bandiera tricolore: tra loro bersaglieri e carabinieri. I carri armati ed altri mezzi corazzati occuparono il nostro “crescentone”; la campana dell’Arengo suonava a distesa; ricomparvero come un miracolo cioccolata e sigarette che i militari distribuivano a piene mani.
In ricordo di quei tragici tempi, Bologna e i suoi cittadini avrebbero poi ricevuto la medaglia d’oro per lo spirito di sacrificio e per l’alto senso dei valori nazionali dimostrati.
Speriamo che la libertà e la pace continuino per sempre.

(Daniela Schiavina)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.